Salta al contenuto

Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie così da permettere a noi, e ai nostri partner, di ricordarci di Lei, di comprendere come Lei utilizzi il nostro sito e per fornirLe materiale pubblicitario in linea con i Suoi interessi. Per maggiori informazioni riguardo all’utilizzo dei cookie in questo sito e la misura in cui Lei possa rifiutare l’utilizzo dei cookie La invitiamo a cliccare qui.  Continuando ad utilizzare questo sito, Lei acconsente all’uso dei cookie ed alla nostra Politica sulla privacy.
Può fornirci le Sue informazioni personali, come l’indirizzo e-mail, attraverso il nostro sito web.  Per maggiori informazioni riguardo alle modalità con cui noi raccogliamo, utilizziamo e condividiamo tali informazioni cliccare qui.  Fornendoci le Sue informazioni personali, Lei acconsente all’utilizzo da parte nostra di tali informazioni ai sensi della nostra Politica sulla privacy. 

HEMMER DESIGN x CCI

Il futuro della moda è qui

Quello che si può realizzare nella moda e che ho visto di recente alle fiere, è davvero fonte d’ispirazione. Molte sono le possibilità di confronto, di sperimentazione ed esplorazione che la moda può offrire. Sono rimasta colpita dall’ampia scelta di prodotti, materiali e servizi internazionali, che stanno facendo evolvere la moda, la produzione e l’innovazione. Leggete le mie considerazioni.
 
TECNOLOGIE INNOVATIVE
Non c’è nulla di maggior impatto se non una indossatrice robot per dire che il futuro è già qui. Emineo, il manichino robot di Euveka, è l’evoluzione del perfezionamento nel vestire bene addosso. Euveka abbina un software semplice ed intuitivo ad una mannequin biomimetica semplificando il processo di design, andando dal disegno iniziale sino alla produzione.
Per rendere più efficiente la realizzazione del prototipo, basta un semplice click e si cambia la misura del modello scelto. Si può fare un controllo su tutto il modello o per zona, adattando la mannequin alle forme specifiche del corpo del cliente.
Emineo migliora il processo di sviluppo del prodotto, ma anche il prodotto stesso. I designer possono creare con facilità capi per le misure dalla A alla E, senza nulla togliere alla nostra capacità di creazione e di innovazione.

Un’altra innovazione che migliora l’esperienza del consumatore è il consumer engagement e l’autenticazione di prodotto di Verisium, la piattaforma B2C per i brand del lusso. Verisium è dotato di un chip NFC inserito nell’indumento e registra ogni prodotto nella tecnologia Blockchain, ai fini della protezione antipirateria. Questo aiuta i brand a proteggere il loro IP, a prevenire la creazione e la vendita di contraffazioni e a rimanere in contatto con i clienti in tempo reale.  È possibile creare ed inviare branded content al chip NFC, facendo sì che il capo diventi un portale di brand engagement.

MATERIALI INTELLIGENTI
Ci sono molte soluzioni di nuovi materiali ma in particolare due mi hanno colpita:  Ecotec e PYRATES. Entrambe sono un’ottima interpretazione di “materiali intelligenti” con l’opportunità per i designer e i consumatori di vedere in modo diverso l’impegno verso l’ambiente.
Ecotec trasforma gli scarti di produzione dalle aziende di tessitura e di lavorazione a maglia in nuovi e bellissimi filati. I filati Ecotec riducono sia il costo che l’impatto ambientale. Paragonati a prodotti simili realizzati con materiali vergini, il LCA di Ecotec (la valutazione sul ciclo del prodotto, certificata da ICEA) registra prestazioni superiori:
- Riduzione sino al 56.3% sull’effetto serra
- Risparmio energetico sino al 56.6%
- Consumo d’acqua durante l’intero processo sino al 77.9%

PYRATES esplora inoltre il legame tra l’innovazione di materiale e l’ambiente. I prodotti tessili PYRATEX® rappresentano una protezione dalle sostanze inquinanti tossiche che ci circondano e aiutano i consumatori ad avere una migliore cura di se stessi. Disponibile nelle applicazioni cosmetiche e salutistiche, PYRATEX® rilascia “cocktail” di antiossidanti, proteine, e aminoacidi nei tessuti per disintossicare, umidificare e rivitalizzare la pelle (cosmetica), rilassare il corpo e favorire il sistema immunitario (salute). Materiali intelligenti, come in questo caso, favoriscono inoltre la consapevolezza del consumatore in merito ai rischi ambientali offrendo un aiuto su come meglio proteggersi.

RISORSE DI INNOVAZIONE
Oltre ad introdurre prodotti e materiali avanzati, le aziende stanno lavorando ad un ecosistema collaborativo – creando aree d’innovazione nel mondo.
UpTex, con sede in Francia, rappresenta un modello competitivo composto da 180 esperti provenienti dall’industria tessile. La sua mission è quella di supportare i suoi membri lungo la strada dell’innovazione tessile. Grazie al suo ruolo nel collegare aziende e organizzazioni con le università e gli istituti di R&D, UpTex assicura partnership strategiche ed investimenti per collaborazioni innovative, posizionando questa area geografica come destinazione primaria per investimenti ed innovazione.

C.L.A.S.S. (Creativity Lifestyle and Sustainable Synergy), con sede fuori Milano, è un centro mondiale per l’innovazione di materiale intelligente con quattro modalità di integrazione nella piattaforma: consulenza, accesso all’hub dei materiali, programmi educativi ed e-commerce.

I giovani designer in cerca di risorse possono apprezzare la parte di e-commerce.  Maggiori sono le soluzioni digitali presenti, più facile sarà per le piccole realtà di business, start-up e studenti poter accedere alle migliori risorse in fatto d’innovazione dei materiali.

DESIGN CONCETTUALE
C’è sempre spazio per pensare al futuro e prendere in considerazione situazioni che al momento sono in fase embrionale. Oggi i designer usano materiali futuristici per ripensare le relazioni tra società, corpo e performance. Cosa indossiamo e come lo indossiamo sono temi che molti si pongono quando si parla di rivestimenti flessibili in pietra, di muskin (la pelle di origine vegetale ricavata dai funghi), di pizzi e di pellicole con sensori magnetici (di fatto materiali reattivi ai magneti).

Il futuro dell’innovazione non è incentrato solo sullo sviluppo di nuovi materiali, di competenze tecniche e di prodotti. Si tratta anche di capire come ci rapportiamo con i nuovi contesti ambientali, le piattaforme globali, la creazione di prodotti con le più tradizionali definizioni di performance. Presto avremo modo di vedere come le nuove espressioni artistiche, la comprensione e l’empatia fanno parte di un unico modello che riguarda la moda.